Finanziamento risparmio energetico

La legge finanziaria del 2008 ha introdotto numerose nozioni nuove riguardo il finanziamento per risparmio energetico. Innanzitutto ha introdotto la facoltà di decidere il numero delle rate annuali in cui dilazionare la detrazione, che dovranno essere tra tre e dieci. Questa disposizione agevola tutti i soggetti che rischiavano di usufruire in modo non completo dei vantaggi di questa detrazione in quanto spendevano molto.

Tra gli interventi per cui è possibile avere la detrazione del 55% troviamo la riqualificazione energetica, che riguarda tutte le opere sugli impianti termici, sulle strutture e sugli infissi. L’intervento dovrà essere mirato alla coibentazione del tetto, all’utilizzo e all’installazione di serramenti a doppo vetri e alla sostituzione della caldaia di tipo convenzionale con quella a condensazione. Un altro intervento che permette di usufruire delle agevolazioni, secondo questa finanziaria, è l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda.

Aggiornamenti sul finanziamento risparmio energetico

Il piano di incentivazione per il risparmio energetico permette una riduzione sull’ICI per chi decide di installare impianti per la produzione di energia elettrica o terminca per uso domestico derivante da fonti rinnovabili.

Inoltre sono previste proroghe pari al 36% delle spese sostenute per le detrazioni IRPEF degli anni 2008,2009 e 2010 e vengono prorogate sino al 31 dicembre 2010 le detrazioni del 55% per la riqualificazione energetica, detrazioni che vengono applicate anche a spese per gli impianti di climatizzazione che vengono parzialmete o completamente sostituiti con impianti a condensazione.

All’interno del piano finanziario 2008 viene anche abolita la richiesta dell’attestato di qualificazione energetica, che era invece richiesta nella finanziaria 2007, nel caso della sostituzione di infissi e per l’installazione di pannelli solari in una singola abitazione.

Per le nuove costruzioni a partire dal 1° gennaio 2009 sarà fatto obbligo di installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti alternative.